Ruoli e lanterne

E’ un pezzo che non scrivo un post serio. Con serio intendo un personale apporto che non sia una risposta a un qualche genere di attività esterna tipo la Modern Witch League. E intendo anche i post da diario.
Imbolc è passato da un niente. E io sento in me, e nell’aria, non tanto voglia di rinnovamento, quanto voglia di nuovo: voglia di buttarmi in nuove imprese al limite dell’idealismo, voglia di cambiare tante cose.

Di imprese nuove, in realtà, ce ne sono due: ho intenzione di aprire un negozio online. Artigianato esoterico handmade. Le hands, nello specifico, sono le mie.
Considerato il fatto che ho frequentato un Liceo Classico e che la cosa più artistica che riesco a fare è scrivere racconti, è quantomeno azzardato. Vedo un sacco di negozietti online su Facebook e fanno delle cose splendide. Sento già i morsi di un’agguerrita (e probabilmente molto più esperta) concorrenza.

Eppure. Ci voglio provare lo stesso. Per quanto passi dal panico all’idea di stare perdendo tempo e soldi in qualcosa che parto con presupposti un po’ altalenanti (a dir poco) ci voglio provare lo stesso. Ci tengo. E’ da un pezzo che ho deciso che se non va come archeologa (e considerato tutto, è la cosa più probabile) voglio aprire una mia attività. Mi eccita, mi esalta. Prendere e fare le cose come decido io, a modo mio, con le mie regole. In realtà vorrei qualcosa di più fisico e reale, ma per cominciare anche questa cosa va bene.

Il punto è che sono terrorizzata dalle mie scarse capacità artistiche. Non faccio cose con le mani forse dalla elementari. Ci sono solo due cose che mi salvano e che possono aiutarmi in questo frangente: la mia inventiva (tanta e troppa) e mia sorella. L’inventiva nel creare cose nuove (e ho già delle ideuzze) e la sorella che si è fatta cinque anni di Istituto d’Arte e mi guarda i prodotti con una smorfia semi-schifata e consigli in merito. Gli Dei la benedicano.

L’altra iniziativa in cui mi sono ritrovata, praticamente per caso, è questo: ed è inutile che i ragazzi continuano a convincersi che si tratta di una cosa inter nos. Jay è partito in quarta: vuole una dannata associazione ludica.
Ora. Lungi da me bloccarlo, ci sono già gli altri che cercano di farlo tornare un po’ coi piedi per terra. Per quanto mi riguarda, a me sembra una bella cosa, per il momento mi diverto e l’entusiasmo è contagioso. Quindi perchè no.

C’è anche il discorso del Magic Lantern, il localino che ha aperto un nostro amico: ci stiamo sforzando come dei matti per farlo restare aperto, e il forum gioca un bel ruolo. Ci sono un sacco di iniziative che bollono in pentola. Speriamo in bene.
(Nel caso vi interessasse, il locale è in Viale Libertà 33 a Monza. Lombardia. Se passate da queste parti segnatevelo 🙂 ).

Annunci

2 thoughts on “Ruoli e lanterne

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...