MWL 5#: Alfabeto di strega: G come Gioco d’Oriente

Pubblicato dicembre 13, 2013 da rollystardust

G come Gioco d’Oriente

Domina oriens,
In astris excelsa,
Regina caeli pacisque mater,
… Transitus tibi in altis argenteus supra
Pectora nobis hoc in mundo aperit infra.
Gratia imple nos tua silente.

(fonte)

Quello del Gioco d’Oriente è un argomento molto complesso e affascinante. Viene definita come Gioco d’Oriente, Gioco di Erodiade, Corteo di Diana, e in altri modi ancora, la tanto discussa  Stregheria Italiana.

La Stregheria Italiana è stata oggetto di numerose discussioni non solo nel tentativo di darne una definizione che fosse la più univoca possibile, ma anche, e soprattutto, a proposito della sua stessa esistenza.

Molti fanno risalire la nascita di questa tradizione a un’epoca pre-romana e preistorica, usando come terminus ante quem addirittura gli Etruschi, alla cui religione alcuni dei seguaci di questa tradizione si rifanno (nonostante le informazioni estremamente frammentarie sulla religione originale etrusca, a causa della forte commistione con elementi greci durante la fase orientalizzante e della perdita pressocchè totale dei testi scritti).

Altri hanno negato dignità a questa tradizione, che si rifà molto agli scritti di Charles G. Leland, tra cui il celeberrimo e controverso Aradia, il Vangelo delle Streghe, negando la veridicità del documento sopra citato e affermando che in realtà si tratta di una sotto-tradizione della Wicca (come a dire una tradizione farlocca).

Se sia davvero esistito un culto di Aradia durante il Medioevo, come sostengono alcuni degli appartenenti a questa tradizione, è difficile da stabilire, è però fuor di dubbio che dai documenti ufficiali degli inquisitori il termine “gioco”, inteso come riunione conviviale, associato a Diana o, più frequentemente, a Erodiade sia saltato fuori in talune occasioni, così come “tregenda”, o sabba.

Al di là della effettiva continuità di un culto dedito a Diana dall’antichità ai giorni nostri, oggigiorno la Stregheria è ben presente, e sicuramente non merita un appellattivo riduttivo come “sotto-tradizione della Wicca”. E’ vero, e gli stessi praticanti lo riconoscono, che l’accresciuto interesse nei confronti della Stregoneria nostrana è dovuta in gran parte alla diffusione della Wicca, la quale, lo ricordiamo, deve molto agli scritti di Leland, motivo per il quale si possono ravvisare delle somiglianze tra le due. Tuttavia, si tratta di due religioni ben distinte.

La Stregheria Italiana non è univoca: la storia del nostro paese è tale per cui non esiste una tradizione stregonica univoca a cui rifarsi (come invece è possibile per altri paesi come l’Inghilterra) proprio per le diverse influenze portate dalle mille culture che hanno occupato l’Italia o con cui hanno avuto rapporti. Tuttavia, esistono alcuni punti in comune tra le varie tradizioni regionali, tra cui il culto ad una figura mitica e difficilmente riconoscibile come Aradia, figlia di Diana e di suo fratello Splendor o Lucifero, il cui nome viene a volte visto come una contrazione di Erodiade, e ovviamente pari importanza (se non superiore) viene data a Diana ed a Lucifero. Un altro elemento comune è l’importanza data al culto degli Antenati, a cui viene in alcuni casi associato il culto dei Lari, o spiriti protettori della famiglia e della casa.

Per quanto riguarda le festività, sembra che chi segua la Stregheria si rifaccia sostanzialmente alla ruota dell’anno Wiccan, utilizzando nomenclature e riti adatti a una spiritualità italica: tuttavia, l’attenzione è posta anche, e soprattutto, alle feste locali delle varie città, partendo da quelle dedicate ai santi patroni, che generalmente nascondono riti di tempi precristiani (basti pensare a S. Giovanni).

In ultimo, bisogna considerare lo stretto legame che la Stregheria ha con la Stregoneria Tradizionale: rifacendosi alle antiche tradizioni locali, la Stregheria ha una forte tendenza alla pratica magica, con anche riferimenti a santi cristiani, e strumenti tradizionali quali i chiodi e altri oggetti apparentemente di uso comune.

Fonti:
“La Stregoneria in Italia” – A. Romanazzi
http://latregenda.blogspot.it/
http://www.cortescontenti.it/lestanze.htm
http://irestrigatum.blogspot.it/
http://tradizioneitaliana.wordpress.com/

Annunci

3 commenti su “MWL 5#: Alfabeto di strega: G come Gioco d’Oriente

  • Ho una diversa visione della stregheria, che non trovo abbia molto a che fare con il culto della Signora del Gioco (se per stregheria intendi il sistema di Grimassi). Per quanto mi riguarda, la stregheria é una filiazione della wicca (formalmente no, perché pare Grimassi non sia mai stato formalmente iniziato né da Gardneriani né da Alexandriani, ma quello che ha pubblicato del suo book of shadows non ha niente di diverso dalla wicca), mentre la stregoneria italiana é un altro universo, che condivide poco con la wicca.
    A mio parere, ovviamente 🙂

    Articolo interessante comunque!

  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    La Taberna Simposiale

    La scrittura ti appassiona? Dillo con noi!

    Il nuovo mondo di Galatea

    Diario ironico dal mitico nordest

    Travel Stories

    Storie e consigli di viaggio di una hippie girl con il cuore a est

    La Biblioteca di Amarganta

    I narratori e i cantori di Fantàsia

    Viaggio 922

    Viaggio senza stancarmi, con occhi grandi sul mondo

    My travels diaries

    Una piccola finestra sul mondo

    AGRUMI

    Spremute acide di una viaggiatrice sentimentale

    #ODIOLESERIEINTERROTTE

    Per ogni nuova serie interrotta, un lettore si infuria.

    Canti delle Balene

    "When you're curious, you find lots of interesting things to do"

    La siepe di more

    “I like persons better than principles, and I like persons with no principles better than anything else in the world.” O. Wilde

    I libri secondo Arianna

    Un libro deve essere un’ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi. (Franz Kafka)

    lapiccolalibraiablog

    Leggo perchè una vita sola non basta.

    Di mezzelfi, muffin e fucili laser

    L'angolino dei deliri di un'aspirante scrittrice

    Chiaraleggetroppo

    Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine - Chistmas edition!

    Milioni di Particelle

    I libri sono l'aereo, il treno e la strada. Sono la destinazione e il viaggio. Sono casa. - Anna Quindlen

    InsolitAria (keeptravellingon)

    Diario di un Sagittario girovago

    Con la valigia verde

    Travel blog di Elisa Albanese

    In viaggio da sola

    Destinazioni e consigli per chi parte in viaggio da sola

    L' ANTIGUIDA

    Storie di viaggi contromano

    E' come nelle grandi storie

    quelle che contano davvero.

    Valpur explains it all

    Everything is geek and nothing hurts

    • il Bosco dei Noccioli • Hazels Grove • OBOD

    Riflessioni lungo la via Druidica /|\

    Sangue Sacro

    La Grotta della Luna

    Ingrid Víðir - Il Sentiero tra i Salici

    Percorrendo a piedi nudi la Via Sacra

    Cronache di Betelgeuse

    Un viaggio tra i libri...

    Storie di Libri Dimenticati

    Tutti hanno le Ali, devi solo ricordare come usarle per volare in alto.

    ☽ Se fossi una Strega ☾

    Torniamo insieme alla scoperta della Magia delle Antiche Vie

    Aglaia Hirschlauf

    Il Cerchio della Strega

    Sacred Iceland

    An American Heathen's adventures in the land of ice and fire

    of the Other People

    on the Otherfaith, Other People, & Other Gods

    Waincraft

    Following the Call of the Land

    Crumpets & co.

    ...pasticci culinari e non solo...

    witchery

    trapped in the broom closet

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: