Witchy Books Challenge – Hunger Games

 

Titolo: Hunger Games
Autore: Suzanne Collins
Prezzo: 14,90 euro
Data di pubblicazione: 2009
Pagine: 376
Editore: Mondadori
Trama: Quando Katniss urla “Mi offro volontaria, mi offro volontaria come tributo!” sa di aver appena firmato la sua condanna a morte. È il giorno dell’estrazione dei partecipanti agli Hunger Games, un reality show organizzato ogni anno da Capitol City con una sola regola: uccidi o muori. Ognuno dei Distretti deve sorteggiare un ragazzo e una ragazza tra i 12 e i 18 anni che verrà gettato nell’Arena a combattere fino alla morte. Ne sopravvive uno solo, il più bravo, il più forte, ma anche quello che si conquista il pubblico, gli sponsor, l’audience. Katniss appartiene al Distretto 12, quello dei minatori, quello che gli Hunger Games li ha vinti solo due volte in 73 edizioni, e sa di aver poche possibilità di farcela. Ma si è offerta al posto di sua sorella minore e farà di tutto per tornare da lei. Da quando è nata ha lottato per vivere e lo farà anche questa volta. Nella sua squadra c’è anche Peeta, un ragazzo gentile che però non ha la stoffa per farcela. Lui è determinato a mantenere integri i propri sentimenti e dichiara davanti alle telecamere di essere innamorato di Katniss. Ma negli Hunger Games non esistono gli amici, non esistono gli affetti, non c’è spazio per l’amore. Bisogna saper scegliere e, soprattutto, per vincere bisogna saper perdere, rinunciare a tutto ciò che ti rende Uomo

 

Titolo: La ragazza di fuoco
Autore: Suzanne Collins
Prezzo: 17,00 euro
Data di pubblicazione:  2010
Pagine: 373
Editore: Mondadori
Trama: Non puoi rifiutarti di partecipare agli Hunger Games. Una volta scelto, il tuo destino è scritto. Dovrai lottare fino all’ultimo, persino uccidere per farcela. Katniss ha vinto. Ma è davvero salva? Dopo la settantaquattresima edizione degli Hunger Games, l’implacabile reality show che si svolge a Panem ogni anno, lei e Peeta sono, miracolosamente, ancora vivi. Katniss dovrebbe sentirsi sollevata, perfino felice. Dopotutto, è riuscita a tornare dalla sua famiglia e dall’amico di sempre, Gale. Invece nulla va come Katniss vorrebbe. Gale è freddo e la tiene a distanza. Peeta le volta le spalle. E in giro si mormora di una rivolta contro Ca-pitol City, che Katniss e Peeta potrebbero avere contribuito a fomentare. La ragazza di fuoco è sconvolta: ha acceso una sommossa. Ora ha paura di non riuscire a spegnerla. E forse non vuole neppure farlo. Mentre si avvicina il momento in cui lei e Peeta dovranno passare da un distretto all’altro per il crudele Tour della Vittoria, la posta in gioco si fa sempre più alta. Se non riusciranno a dimostrare di essere perdutamente innamorati l’uno dell’altra, Katniss e Peeta rischiano di pagare con la vita…

 

Titolo: Il canto della rivolta
Autore: Suzanne Collins
Prezzo: 17,00 euro
Data di pubblicazione: 2012
Pagine: 419
Editore: Mondadori
Trama: Contro ogni previsione, Katniss Everdeen è sopravvissuta all’Arena degli Hunger Games. Due volte. Ora vive in una bella casa, nel Distretto 12, con sua madre e la sorella Prim. E sta per sposarsi. Sarà una cerimonia bellissima, e Katniss indosserà un abito meraviglioso. Sembra un sogno… Invece è un incubo. Katniss è in pericolo. E con lei tutti coloro a cui vuole bene. Tutti coloro che le sono vicini. Tutti gli abitanti del Distretto. Perché la sua ultima vittoria ha offeso le alte sfere, a Capitol City. E il presidente Snow ha giurato vendetta. Comincia la guerra. Quella vera. Al cui confronto l’Arena sembrerà una passeggiata.

Questa saga rientra in quei libri che non rileggerò mai nella mia vita. Forse non vado neanche a vedermi il film. Perchè è bellissima, indubbiamente, ma è anche incredibilmente, completamente deprimente.

Non parlo dello stile della Collins, che va veloce e incalzante e ti tiene incollato alle pagine senza mai un attimo di respiro. Non parlo delle descrizioni splendide e dei vestiti (è l’unico libro in cui la descrizione dei vestito, anzi di uno o due, ha senso e soprattutto è fatta bene). Non parlo dell’atmosfera di epicità che si respira a ogni sillaba. Non parlo dei personaggi (anche se a Katniss, protagonista e voce narrante, ogni tanto una testata o due gliele avrei tirate, per non parlare di Gale che a un certo punto avrei massacrato e basta) ben caratterizzati al punto da sembrare quasi vivi. Non parlo della trama, emozionante e ricca di colpi di scena. Parlo della storia. Nel senso che, signori miei, si parla di morti ammazzati fin dalla prima pagina…poteva mai essere un libro allegro?

Il bello è proprio questo: è un libro per ragazzi, scritto con il punto di vista di una ragazza di diciassette anni che parla di guerra. Poteva essere molto meno realistico, ma non si è esimata dall’inserire ciò per cui la guerra è caratterizzata, cioè la morte. Evita le descrizioni macabre, ma i morti ci sono, e anche tanti. E non sono uno a libro per poi fare l’ecatombe in quello finale, come ha fatto qualcun altro (Rowling are you listening?). Sono distribuiti equamente, così che tutta la trilogia è un crescendo di morte e distruzione, fino al finale che…beh. Cioè…beh. Non ho parola per descriverlo. A me è piaciuto, in un certo qual modo. Era la degna conclusione. Mi è piaciuto moltissimo come si evolvono i personaggi e i loro rapporti nei tre libri…soprattutto Primrose, la sorella di Katniss.

E parlando di Katniss, appunto: a me come protagonista piace. Perchè è scontrosa e riservata, ma ha anche un buon cuore…più o meno. Non è la classica protagonista che deve essere salvata, ma non è neanche la guerriera provetta che si mette a capo della ribellione. Lei non è un capo, è un simbolo. E come tale si comporta.

Insomma, è una bellissima trilogia, che consiglio vivamente. Sappiate solo che non si tratta di libri allegri.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...