MWL 5#: Alfabeto di strega: E come Eihwaz

Pubblicato dicembre 5, 2012 da rollystardust

E come Eihwaz

Significato antico: Attraversare i mondi

Nomi: Eoh (anglosassone), Eihwaz o Iwaz (germanico), Eihwas (gotico), Eoh o Eow (antico inglese), Ihwar (antico norreno).

Vegetali: Tasso, lillà, mandragora.

Colori: Blu scuro.

Divinità: Odino, Ullr.

Numeri: 13.

Pietre preziose: Topazio.

Astrologia: Scorpione, Giove, Nodo Sud della Luna.

Tarocchi: L’Appeso, l’Arcano senza nome (o la Morte).

Valore fonetico: ï

Ciclo solare: 28 dicembre al 12 gennaio

Parole chiavi: viaggio sciamanico, pazienza, perseveranza, cambiamento, rinascita

Il duro Inverno non è ancora finito.
Metti legna sul fuoco e tieni calda la casa.
Se fuori c’è bufera e il vento ulula,
Racconta fiabe ai bambini,
E rassicurandoli vinci la tua paura.
Se temi il lupo e l’orso,
Ricorda che ciò che ti scalda
È la loro pelliccia.
E ciò che ti sazia
È il grano dell’estate.
E ciò che ti inebria
È il vino dell’autunno.
Passato e Presente,
Bene e Male,
Farmaco e Veleno,
Sono ora
Una cosa sola.

Rappresentata dall’albero del Tasso, Eihwaz ci mette innanzitutto in contatto con il concetto di forza, resistenza, durata e difesa.

Le caratteristiche che rendono il Tasso così adatto alla fabbricazione di archi sono infatti l’enorme resistenza, sia alla compressione che alla trazione, e l’incredibile elasticità, il Tasso inoltre è un albero estremamente longevo, può vivere più di mille anni.

Eihwaz è anche retta dal dio Ullr, divinità importante, venerata in diversi luoghi, era un abilissimo arciere nonché provetto sciatore, quindi strettamente correlato al mondo invernale, nessuno era in grado di competere vittoriosamente con lui.

Eihwaz rappresenta la capacità di trasformare le avversità in qualcosa di positivo, la capacità di trovare sempre nuove soluzioni ai problemi.

Come la durezza del legno diventa una proprietà una volta compreso l’impiego appropriato (arco, sci, freccia), così la difficoltà diventa uno strumento, rivela la sua duplice natura di problema/opportunità, grazie al superamento della paura della morte e dell’annientamento, si può entrare in contatto con la propria forza interiore.

L’estrazione di Eihwaz indica che sto gestendo bene i miei problemi, che mi sforzo di apprendere da loro piuttosto che lamentarmi, e questo mi permette di aprirmi a nuovi livelli di coscienza.

L’estrazione di Eihwaz ci fa comunque riflettere sul concetto di difficoltà: come mi relaziono di fronte alle difficoltà? Ho paura, fuggo, rinuncio, cerco scuse per non affrontare il problema, oppure mi espongo all’ignoto, all’inconoscibile, accetto la sfida?

Eihwaz mi dice che c’è un insegnamento di cui posso usufruire, che una parte di me deve morire perchè una nuova parte possa rinascere; fondamentale elemento di questa runa è il concetto di vita, morte e rinascita a nuova vita.

(fonte: http://www.runemal.org/eihwaz)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La Taberna Simposiale

La scrittura ti appassiona? Dillo con noi!

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Travel Stories

Storie e consigli di viaggio di una hippie girl con il cuore a est

La Biblioteca di Amarganta

I narratori e i cantori di Fantàsia

Viaggio 922

Viaggio senza stancarmi, con occhi grandi sul mondo

My travels diaries

Una piccola finestra sul mondo

AGRUMI

Spremute acide di una viaggiatrice sentimentale

#ODIOLESERIEINTERROTTE

Per ogni nuova serie interrotta, un lettore si infuria.

Canti delle Balene

"When you're curious, you find lots of interesting things to do"

La siepe di more

“I like persons better than principles, and I like persons with no principles better than anything else in the world.” O. Wilde

I libri secondo Arianna

Un libro deve essere un’ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi. (Franz Kafka)

lapiccolalibraiablog

Leggo perchè una vita sola non basta.

Di mezzelfi, muffin e fucili laser

L'angolino dei deliri di un'aspirante scrittrice

Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine - Chistmas edition!

Milioni di Particelle

I libri sono l'aereo, il treno e la strada. Sono la destinazione e il viaggio. Sono casa. - Anna Quindlen

InsolitAria (keeptravellingon)

Diario di un Sagittario girovago

Con la valigia verde

Travel blog di Elisa Albanese

In viaggio da sola

Destinazioni e consigli per chi parte in viaggio da sola

L' ANTIGUIDA

Storie di viaggi contromano

E' come nelle grandi storie

quelle che contano davvero.

Valpur explains it all

Everything is geek and nothing hurts

• il Bosco dei Noccioli • Hazels Grove • OBOD

Riflessioni lungo la via Druidica /|\

Sangue Sacro

La Grotta della Luna

Ingrid Víðir - Il Sentiero tra i Salici

Percorrendo a piedi nudi la Via Sacra

Cronache di Betelgeuse

Un viaggio tra i libri...

Storie di Libri Dimenticati

Tutti hanno le Ali, devi solo ricordare come usarle per volare in alto.

☽ Se fossi una Strega ☾

Torniamo insieme alla scoperta della Magia delle Antiche Vie

Aglaia Hirschlauf

Il Cerchio della Strega

Sacred Iceland

An American Heathen's adventures in the land of ice and fire

of the Other People

on the Otherfaith, Other People, & Other Gods

Waincraft

Following the Call of the Land

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

witchery

trapped in the broom closet

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: