Archivi

Tutti gli articoli per il mese di novembre 2012

44 days of Witchery: Day 3 – Witchy tools: Athame

Pubblicato novembre 29, 2012 da rollystardust

3 – Strumenti da Strega: l’Athame

Credo di averla già messa in qualche altro post…in ogni caso non ho un athame. Non so neanche se lo voglio. Però ho una spada. Sarebbe la riproduzione della spada di Arwen, quella del Signore degli Anelli. Ed è troppo figa. E magicamente parlando è una compagna leale.

44 days of Witchery: Day 2 – A myth or story from folklore

Pubblicato novembre 28, 2012 da rollystardust

2 – Un mito o storia del Folklore

Prometeo incatenato

Prometeo era un Titano, figlio di Giapeto e Climene. Egli era nobile, lungimirante e dalla mente acuta. Egli vide la grandezza degli dei e si schierò al loro fianco contro i propri simili. Egli era d’animo buono e gentile, e quando Epimeteo, il suo sciocco fratello, consegnò i limitati doni di Zeus alle stirpi animali, egli rubò ad Atena uno scrigno, in cui erano contenuti intelligenza e memoria, e li donò alla schiatta umana, di modo che potessero difendersi. Zeus si adirò molto con lui, perchè temeva che in questo modo gli umani sarebbero diventati troppo forti e potenti. Per vendicarsi dell’affronto subito, Prometeo, durante un banchetto che riuniva dei e uomini, divise un bue in due parti, facendo un mucchio delle ossa e ricoprendolo con lucido grasso, e un altro mucchio con le parti migliori, celandole sotto la pelle. Uno di questi mucchi spettava agli dei, l’altro agli umani, e invitò Zeus a scegliere per primo. Egli, ingannato dal grasso appetitoso, scelse la parte peggiore, lasciando inconsapevolmente la carne migliore agli umani. Adirato per quest’ultimo affronto,  Zeus tolse il fuoco agli umani, lasciandoli indifesi. Prometeo si recò allora alla fucina di Efesto, rubò qualche scintilla e riportò il fuoco agli uomini. Pagò caro per questo affronto: Zeus lo fece incatenare a una roccia, in un luogo aspro e esposto alle intemperie, e invio un’aquila che gli mangiasse il fegato che ogni notte gli ricresceva, Così pagò Prometeo per l’amore che provava per la stirpe umana.

Sono molto legata a questo mito per due motivi: innanzitutto, ho dovuto portare il Prometeo Incatenato di Eschilo alla maturità (in greco ovviamente. Una vera gioia), e per un motivo o per l’altro per un anno intero è stato un po’ la mia croce. Secondo, perchè sono molto legata alla figura del Trickster e del ribelle che non rispetta l’autorità degli dei a favore degli umani, quale appunto è Prometeo, che secondo me sapeva perfettamente a cosa sarebbe andato incontro, ma ha scelto di farlo lo stesso. E’ un po’ un’ispirazione secondo me.

44 days of Witchery: Day 1 – What’s your Witchy background?

Pubblicato novembre 27, 2012 da rollystardust

1 – Qual è la tua storia da strega?

photo

Eh…bella domanda.

Sono partita con la Wicca, come la maggior parte di noi, credo. Avevo 16 anni all’epoca, e come sempre nella mia vita avevo una paura folle di cannare qualcosa, quindi me la sono presa molto comoda con lo studio (anche per essere davvero sicura di quello che stavo facendo).

Da un anno più o meno a questa parte ho ripreso lo studio e da allora mi definisco semplicemente pagana, in quanto non ho una tradizione ben definita, anche se l’Eclettismo mi tiene ancorata a sè come una calamita. Non ci posso fare niente, odio qualsiasi cosa che mi dica “devi fare questo questo e questo” preferisco essere libera di decidere da me.

Attualmente mi sto interessando molto allo Sciamanesimo, alla Tradizione Nordica (tra cui l’hedgewitchcraft), al Voodoo, ma mi sto informando anche alle altre pratiche come la stregheria, alla continua ricerca di ciò che fa per me.

(piccola parentesi: la foto è a caso. Lol)

Tell The Owl – Argomento ⑤: Divinazione

Pubblicato novembre 26, 2012 da rollystardust

Non vedevo l’ora di arrivare a questo argomento! Uno dei miei preferiti in assoluto. Quest’oggi si parla di Divinazione.

La divinazione è stata la mia prima pratica magica, e l’unica che riesco a effettuare allo scoperto senza dovermi preoccupare. Come ho già detto in altri post, cominciai all’età di 10 anni, quando comprai in edicola un numero delle WITCH che aveva un mazzo di carte divinatorie con relative istruzioni. Fu una specie di amore a prima vista: il mazzo (che conservo ancora, anche se ho perso le istruzioni) era molto carino, e mi dilettavo spesso e volentieri a fare domande sulla scuola e sul ragazzo che mi piaceva (classico). Nel corso degli anni a quel mazzo se ne aggiunsero molti altri (i mazzi della collezione De Agostini o qualcosa di analogo, l’Oracolo dei Maya, le carte degli elfi) fino ad arrivare al mio primo, e finora unico, mazzo di Tarocchi: disegni un po’ “scrausi”, sintetici, colorati, squadrati, insomma, non proprio delle opere d’arte, ma sono il mazzo che utilizzo di più e che cambierò solo quando saranno completamente inutilizzabili. Amo tantissimo quelle carte, le ho da non so più quanti anni, e ogni volta che viaggio le porto con me. Le utilizzo spesso e volentieri, sono come delle amiche fidate, che mi aiutano molto nell’introspezione e nella ricerca di me stessa. Uso ancora il libretto quando le consulto, ma ormai vado talmente a intuito che lo guardo pochissimo. Sono talmente legata ai Tarocchi che sto scrivendo un romanzo basandomi su tutte le 78 carte (una cosa allucinante e complicata, di quelle che piacciono a me). Ho tutto un mio metodo, che in realtà utilizzo con quasi tutti miei mazzi di carte: mischio le carte sette volte, le taglio, giro di 180° uno dei mazzetti, li rimetto assieme e li mischio altre tre volte. Perchè? Perchè mi piace, mi aiuta a concentrarmi. Per quanto riguarda la stesura, nel caso dei Tarocchi, dopo anni passati a utilizzare le stesure degli altri, adesso utilizzo una stesura molto semplice ma che trovo perfetta:

Le Cinque Carte

E’ molto semplice in verità: si tratta di mettere cinque carte in una fila orizzontale. La prima sarà al centro, e costituirà il punto focale della domanda, il presente o il consultante. La seconda carta verrà posizionata a sinistra di quella centrale, e la terza a sinistra della seconda. Queste due carte rappresenteranno il passato, gli eventi che hanno portato al problema o una delle scelte possibili del consultante (vanno lette insieme). Le ultime due carte verranno messe a destra di quella centrale, e rappresentano il futuro, o l’altro “ramo” di scelte che ha a disposizione il consultante. 

Detta così sembra molto complicata, ma in verità è una stesura molto flessibile, che può essere usata per qualsiasi tipo di richiesta: basta ricordare che si può leggere fondamentalmente in due modi, o lineare (dove le prime due carte sono il passato, la centrale il presente e le ultime due il futuro), o simmetrico (con il fulcro al centro e i due blocchi in contrapposizione), anche se può succedere che le carte di presentino in “blocchi interpretativi” di due e tre carte, mi è successo una volta e effettivamente avevo ragione. Personalmente non credo che sia una stesura che possa essere usata da principianti, a meno che non si dichiari prima in che modo si leggeranno le carte. In ogni caso la trovo molto utile, anche se non è così originale. Comunque se avete domande chiedete!

Un altro metodo divinatorio che uso sono le Carte degli Elfi: sono un mazzo di carte molto carino, che mi venne regalato da mia zia anni fa, e che utilizzo solo quando sono particolarmente scoraggiata o confusa per qualcosa. In quei momenti mi siedo sul letto, prendo le carte e la spargo davanti a me, svuoto la mente e ne scelgo una: una volta presa la carrta prima la guardo per un po’ cercando di capire cosa vuole dirmi, poi consulto i significati sul libro. E’ un metodo per capire meglio cosa voglio fare e per aiutarmi a ritrovare quel minimo di tranquillità che mi serve.

Oltre alla Cartomanzia, che resterà sempre il mio grande amore, utilizzo spesso e volentieri il pendolo: il mio è una semplice sfera di vetro rinchiuso in una struttura di metallo a punta (ve lo traduco in maniera semplice: è il cuore di Kandrakar. Vedete che quel fumetto mi ha segnato a vita). E’ un metodo che uso a periodi, ogni tanto lo uso per cercare oggetti (che nel marasma della mia stanza per trovare le cose ci vuole veramente la mano degli Dei), ma non sono ancora molto precisa. Lo uso quando mi serve una risposta precisa, o unito agli schemi del Libro del pendolo o come cavolo si chiama (che ha un sacco di schemi utili oltretutto), ma ammetto che ancora non riesco a capire quando lo sto influenzando e quanto. Insomma, devo farci ancora un po’ di pratica.

Abbiamo poi le rune, che mi sono costruita da sola (con la pasta di sale), e che ho cominciato a utilizzare da pochissimo. mi ispirano molto e sento che mi daranno grandi soddisfazioni, già solo il farle da me mi ha veramente entusiasmato.

Oltre a questi metodi, ho provato la Chiromanzia, che per me è veramente complicata, la geomanzia, lo scrying con l’acqua (che questo veramente, no, non c’è verso, non ci riesco proprio), gli I-Ching e la caffeomanzia che devo approfondire, e l’oniromanzia.

Sull’oniromanzia apro un capitolo a parte: io ho spesso e volentieri dei sogni premonitori, solo che trattano generalmente di…idiozie. Traduco: non sogno momenti topici tipo la morte di una familiare, qualcuno che si sposa, insomma,  momenti importanti. Sogno momenti piuttosto banali, tipo mia zia che discute con mia mamma sull’aspirapolvere da regalare a mia nonna nel salotto di casa mia, o cose simili: sogni che possono sembrare dei sogni normali, ma che finiscono con l’avverarsi in ogni particolare, uguali e precisi. Il bello è che quando me ne rendo conto, con quella caratteristica sensazione di deja-vu, mi ricordo perfettamente di aver sognato quella scena. Solo che oltre a questo non riesco a fare. Non ho neanche cominciato a scrivere i sogni su un quaderno (o meglio, avevo cominciato, ma quando me li ricordo devo scrivermi tutti i particolari e ammetto che ci metto un casino e mi passa la voglia…sì, sono una persona orribile). In ogni caso mi sa che troverò un quadernino e ricomincerò, perchè mi sa che mi servirà molto.

In coda a tutto questo, voglio dire due parole sul fare divinazioni per conto di altri: io le faccio, a volte anche quando il soggetto è ignaro e assente (che mi rendo conto che non è molto etico, ma a volte mi serve per capire delle persone con cui ho a che fare o per mie amiche per cui sono preoccupata. Quando faccio così, però, le mie labbra sono sigillate), non mi sono mai fatta pagare nella maniera più assoluta, non lo ritengo corretto e penso che specularci sopra sia anche troppo facile. Voglio dire, una volta ho visto una locandina che pubblicizzava una che leggeva le carte e chiedeva 40 euro. 40 euro? Per una stesura? Sei scema? Al massimo ti offro un caffè.

Direi che ho finito, almeno credo. Ci risentiamo al prossimo Gufo!

Tell The Owl – Argomento ④: Spiriti Guida

Pubblicato novembre 25, 2012 da rollystardust

Ed eccoci all’argomento numero 4, mesi e mesi dopo. Si parla quest’oggi di Spiriti Guida.

Come alcuni di coloro che partecipano alla Lega, anche io posso affermare di aver avuto le mie prime esperienze con gli Spiriti Guida grazie al progetto Alleati di Potere. Oltre a questo, non posso affermare di aver mai sentito “presenze” intorno a me, anche se ogni tanto sono avvenuti fatti strani che potrebbero essere ricondotti a uno o più di questi esseri, di cui tuttavia non riesco a comprendere le intenzioni, se benigne o maligne.

Sono avvenute delle “coincidenze”, nella mia vita, che mi hanno portato fortuna, e che effettivamente potrebbero essere ricondotte a una guida o un “angelo custode” (non tanto nel senso di angelo, quanto di un essere che veglia su di me e mi protegge, senza nessuna accezione sulla sua effettiva natura), tuttavia non riesco a esserne effettivamente sicura: il mio problema è che sono sensitiva quanto un mattone, quindi se c’è qualcosa, è difficile che me ne accorga. In più, se proprio devo dirla tutta una guida di fattezze umane non sono mai andata a cercarmela, forse perchè non ne ho mai sentito il bisogno o semplicemente perchè non ci ho mai pensato. Non ho mai avuto contatti particolari neanche durante i sogni, se non con animali, generalmente gatti e serpenti. Anche se all’inizio, quando ero proprio agli  inizi della mia pratica, durante la meditazione visualizzavo una donna vestita di nero con un velo in testa, ma ho idea che fosse più frutto di una fervida immaginazione che non di un incontro vero e proprio.

Ho sempre avuto una grande curiosità verso i Totem e gli animali guida, questo sì, ma mentre tempo fa ero più incentrata sul totem come “l’animale che mi rappresenta”, un po’ come il segno zodiacale per intenderci, adesso mi sto muovendo, piano piano, per creare un rapporto effettivo con il mio animale guida, sia attraverso il progetto Alleati di Potere, sia con meditazioni specifiche di altro genere, sia attraverso la lettura di un libro che consiglio, e cioè “Segni e Presagi del mondo animale” di Ted Andrews, che anche se ha una particolare attenzione per gli uccelli (ma non pensate male!), è un testo che ritengo molto valido. Ora come ora il mio animale guida si è presentato in tre forme differenti (il che mi fa pensare che sto sbagliando qualcosa o che si tratti di uno spirito che muta forma a seconda di ciò che mi vuole comunicare…è possibile? Mistero) in ogni caso l’ultima sembra abbastanza sicura, di sicuro è quello che mi serve in questo momento.

Mi spiace non poter dire di più, ma per me questo è un argomento piuttosto oscuro, che sto ancora cercando di approfondire. Magari aggiornerò in futuro.

44 Days of Witchery ( o 44 Giorni Stregati) Modern Witch Lague ©

Pubblicato novembre 20, 2012 da rollystardust

Come se non avessi una tesi da preparare e sei esami da studiare entro aprile, (tanto sono quisquilie -_-) ho deciso ufficialmente di iniziare un’attività della Lega che mi ha attirata fin da subito: si tratta dei 44 Giorni Stregati.

La questione è semplice: per 44 giorni consecutivi si deve postare un’immagine (meglio se fatta da noi, quindi prendete le vostre macchine fotografiche e sbizzarritevi) rispondendo alle domande di cui sotto e, se lo ritenete opportuno, aggiungere qualche parola. L’iniziativa è davvero carina, e per ulteriori informazioni vi lascio il link al post su SDA: http://sacerdotessediavalon.forumcommunity.net/?t=49004918

Non so ancora bene quando partirò con questa cosa (oltre all’università, ho anche gli altri progetti della Lega da completare, tra Gufo e Alfabeto, e una nuova iniziativa che porcamiseriaquandocavolodovreifarla, più altre cosette varie. Ah già, magari devo dedicare un po’ di tempo alle mie amiche e al mio ragazzo. Così, giusto per.) Intanto, vi lascio l’elenco, a cui a mano a mano aggiungerò i link dei post, così non dovete diventare matti a cercarli ^^.

44 Days of Witchery / 44 Giorni Stregati

1- What’s your witchy background? / Qual è la tua storia da strega?
2- A myth or story from folklore. /Un mito o storia del folklore.
3- Witchy tools: athame. / Strumenti da Strega: athame.
4- Picture of nature (water element). / Immagine della natura (elemento acqua).
5- A favourite Goddess. / Una dea preferita.
6- A favourite God. / Un Dio preferito.
7- Air element. / Elemento Aria.
8- A photo of a magical place outdoors. / Una foto di un luogo magico all’aperto.
9- A favourite mythological animal. / Un animale mitologico preferito.
10- Your sun sign. / Il tuo segno del sole.
11- Witchy tools: oils. / Strumenti da Strega: oli.
12- Picture of nature (air element). / Immagine della natura (elemento aria).
13- What are some of the witchy books that influenced you? / Quali sono alcuni dei libri che ti hanno influenzato?
14- A favourite pagan holiday that you celebrate. / Una festività pagana che preferisci celebrare.
15- Thoughts on the afterlife? / Riflessioni sulla vita dopo la morte?
16- Favourite witchy website(s). / Sito/i da Strega Preferito/i.
17- Picture of nature (fire element). / Immagine della natura (elemento fuoco).
18- Have you had any paranormal experiences? / Hai avuto esperienze paranormali?
19- Fire element. / elemento Fuoco.
20- A picture of a tarot or oracle card, and its meaning. / Una foto di un tarocco o carta da oracolo, e il suo significato.
21- A favourite scent. / Un profumo preferito.
22- Current moon phase. / Fase lunare corrente.
23- A favourite candle. / Una candela preferita.
24- Your moon sign. / Il tuo segno della luna.
25- How do your close ones feel about your witchy path? Do they know? Why or why not? / Cosa pensano i tuoi cari della tua vita da strega? Lo Sanno? Perché o perché no?
26- A witchy podcast. / Un podcast stregato.
27- Picture of nature (earth element). / Immagine della natura (elemento terra).
28- A picture of a witchy I-Want-It-Now! / Una foto di “qualcosa che voglio subito!” stregonesco.
29- Water element. / Elemento Acqua.
30- Witchy tools: wand. / Strumenti da Strega: bacchetta.
31- A favourite pagan/witchy movie. / Un film preferito pagano / strega.
32- A pagan/witchy artwork. / Un’opera d’arte pagana / strega.
33- Faerie of your choice. / Piccolo popolo di vostra scelta.
34- Rune of your choice. / Runa a vostra scelta.
35- Something that I think people who don’t know much about paganism/witchcraft should know. / Qualcosa che penso che la gente non sa e dovrebbe sapere sul paganesimo o stregoneria.
36- Flower of your choice, and its magical properties. / Fiore di vostra scelta, e le sue proprietà magiche.
37- A famous pagan/witch! / Un famoso pagano / strega!
38- Witchy tools: cauldron. / Strumenti da Strega: calderone.
39- Something that inspires you. / Qualcosa che ti ispira.
40- Your altar, if you have one! / Il tuo altare, se ne hai uno!
41- A spell you’ve done. / Un incantesimo che hai fatto.
42- A favourite nature spirit. / Uno spirito della natura preferito.
43- A magical recipe. / Una ricetta magica.
44- Witch’s choice! / La scelta da strega!

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Travel Stories

Storie e consigli di viaggio di una hippie girl con il cuore a est

La Biblioteca di Amarganta

I narratori e i cantori di Fantàsia

Viaggio 922

Viaggio senza stancarmi, con occhi grandi sul mondo

My travels diaries

Una piccola finestra sul mondo

AGRUMI

Spremute acide di una viaggiatrice sentimentale

#ODIOLESERIEINTERROTTE

Per ogni nuova serie interrotta, un lettore si infuria.

Canti delle Balene

"When you're curious, you find lots of interesting things to do"

La siepe di more

“I like persons better than principles, and I like persons with no principles better than anything else in the world.” O. Wilde

I libri secondo Arianna

Un libro deve essere un’ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi. (Franz Kafka)

lapiccolalibraiablog

Leggo perchè una vita sola non basta.

Di mezzelfi, muffin e fucili laser

L'angolino dei deliri di un'aspirante scrittrice

Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine - Chistmas edition!

Milioni di Particelle

I libri sono l'aereo, il treno e la strada. Sono la destinazione e il viaggio. Sono casa. - Anna Quindlen

KEEP TRAVELLING ON

Diario di un Sagittario girovago

Con la valigia verde

Travel blog di Elisa Albanese

In viaggio da sola

Destinazioni e consigli per chi parte in viaggio da sola

L' ANTIGUIDA

Storie di viaggi contromano

E' come nelle grandi storie

quelle che contano davvero.

Valpur explains it all

Everything is geek and nothing hurts

• il Bosco dei Noccioli • Hazels Grove • OBOD

Riflessioni lungo la via Druidica /|\

Sangue Sacro

La Grotta della Luna

Ingrid Víðir - Il Sentiero tra i Salici

Percorrendo a piedi nudi la Via Sacra

Cronache di Betelgeuse

Un viaggio tra i libri...

Storie di Libri Dimenticati

Tutti hanno le Ali, devi solo ricordare come usarle per volare in alto.

☽ Se fossi una Strega ☾

Torniamo insieme alla scoperta della Magia delle Antiche Vie

Aglaia Hirschlauf

Il Cerchio della Strega

Sacred Iceland

An American Heathen's adventures in the land of ice and fire

of the Other People

on the Otherfaith, Other People, & Other Gods

Waincraft

Following the Call of the Land

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

witchery

trapped in the broom closet

The Road, the Walker, and What Comes Next

Exploring Devotional Practice in Polytheism - Actual real-life blog of pagan author Silence Maestas