Tell The Owl – Argomento ②: Antenati

Pubblicato settembre 11, 2012 da rollystardust

Se si tratta di antenati e culto dei morti, personalmente sono molto impreparata.

Sono sempre stata dell’idea che i morti andassero lasciati in pace (Parce sepulto dicevano gli antichi, anche se in un altro senso), e quindi non ho ancora avviato una pratica vera e propria con loro, e non so neanche se lo voglio fare a essere sincera: il mio problema è che ho una paura folle dei fantasmi, e quindi prima di fare qualsiasi cosa che riguardi il mondo degli spiriti voglio informarmi per essere sicura di non fare stupidaggini (anche se dubito che un semplice culto dei morti possa attirare spiriti maligni, ma se sono sicura sono anche più tranquilla, quindi male non fa).

I miei nonni sono vivi tutti e quattro, e quindi ho modo di conoscerli e parlarci, soprattutto i miei nonni materni, che vivono proprio sopra di me. Per quanto riguarda i nonni paterni, vivono in Veneto e li andiamo a trovare almeno una volta l’anno, quindi non li vedo spesso.

Ho anche avuto la fortuna di conoscere la mia bisnonna, la madre della mia nonna materna, una matriarca di quelle di una volta, tanto che le sue figlie le davano del lei. Era una gran donna, è morta qualche anno fa alla veneranda età di 98 anni.

In quanto ai bisnonni, so poco, in particolare del marito della nonna di cui sopra, me lo ricordo vagamente perchè è morto che avevo cinque anni, ma a parte il nome nisba. Delle altre bisnonne pure il nulla, in effetti è brutto ma non ho mai chiesto, così come per il bisnonno paterno (tutti e due).

Del padre del mio nonno materno ho saputo qualcosa di più, ed era un personaggio nel vero senso della parola: a quanto pare era soprannominato “Il Conte” perchè vestiva sempre elegante e se andava in giro con un bastone. Frequentava gente strana, ragazze giovani (no, non le frequentava in quel senso credo) ma era un tipo fantastico: quando stava per morire è scappato dall’ospedale perchè lui lì non ci voleva stare. Tanto per dirne una. Ma ne ha fatte veramente di cotte e di crude.

Anche se non l’ho mai conosciuto (è morto che non avevo neanche un mese), a “pelle” mi sa di simpatico, e per certi versi me lo sento più vicino degli altri, forse perchè in un qualche senso mi somiglia. Almeno credo.

Altri lutti in famiglia ne ho avuti, uno in particolare era uno dei cugini di mia mamma: era un ragazzo simpaticissimo, appassionato di astrologia. Non abbiamo avuto molti contatti, ma a volte mi manca chiacchierare con lui.

Fin adesso l’unica forma di culto dei morti è stata accendere le lanterne a Samhain, per guidare gli spiriti nel loro viaggio verso la Terra d’Estate.

Insomma, c’è ancora molto da lavorare…

(ps: la foto l’ho trovata su internet).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La Taberna Simposiale

La scrittura ti appassiona? Dillo con noi!

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

Travel Stories

Storie e consigli di viaggio di una hippie girl con il cuore a est

La Biblioteca di Amarganta

I narratori e i cantori di Fantàsia

Viaggio 922

Viaggio senza stancarmi, con occhi grandi sul mondo

My travels diaries

Una piccola finestra sul mondo

AGRUMI

Spremute acide di una viaggiatrice sentimentale

#ODIOLESERIEINTERROTTE

Per ogni nuova serie interrotta, un lettore si infuria.

Canti delle Balene

"When you're curious, you find lots of interesting things to do"

La siepe di more

“I like persons better than principles, and I like persons with no principles better than anything else in the world.” O. Wilde

I libri secondo Arianna

Un libro deve essere un’ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi. (Franz Kafka)

lapiccolalibraiablog

Leggo perchè una vita sola non basta.

Di mezzelfi, muffin e fucili laser

L'angolino dei deliri di un'aspirante scrittrice

Chiaraleggetroppo

Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine - Chistmas edition!

Milioni di Particelle

I libri sono l'aereo, il treno e la strada. Sono la destinazione e il viaggio. Sono casa. - Anna Quindlen

InsolitAria (keeptravellingon)

Diario di un Sagittario girovago

Con la valigia verde

Travel blog di Elisa Albanese

In viaggio da sola

Destinazioni e consigli per chi parte in viaggio da sola

L' ANTIGUIDA

Storie di viaggi contromano

E' come nelle grandi storie

quelle che contano davvero.

Valpur explains it all

Everything is geek and nothing hurts

• il Bosco dei Noccioli • Hazels Grove • OBOD

Riflessioni lungo la via Druidica /|\

Sangue Sacro

La Grotta della Luna

Ingrid Víðir - Il Sentiero tra i Salici

Percorrendo a piedi nudi la Via Sacra

Cronache di Betelgeuse

Un viaggio tra i libri...

Storie di Libri Dimenticati

Tutti hanno le Ali, devi solo ricordare come usarle per volare in alto.

☽ Se fossi una Strega ☾

Torniamo insieme alla scoperta della Magia delle Antiche Vie

Aglaia Hirschlauf

Il Cerchio della Strega

Sacred Iceland

An American Heathen's adventures in the land of ice and fire

of the Other People

on the Otherfaith, Other People, & Other Gods

Waincraft

Following the Call of the Land

Crumpets & co.

...pasticci culinari e non solo...

witchery

trapped in the broom closet

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: