MWL 5#: Alfabeto di strega: B come Baba Jaga

Pubblicato settembre 5, 2012 da rollystardust

B come  Baba Jaga

Baba Yaga, la temibile strega dai denti di ferro, è anche conosciuta come Baba Yaga dalle Gambe Ossute (In russo: Baba Yaga Kostianaya Noga) perché è sottile come uno scheletro, nonostante il suo terribile appetito: in molte leggende chi arriva a casa sua finisce per pranzare con lei (o rubarle il cibo) e scoprire che il suo forno magico contiene ogni ben di Dio. Inoltre esistono altre Baba Yaga, le sue sorelle, che ricorrono meno spesso nelle storie (una di loro è la Baba Yaga Gamba d’oro della leggenda del Campestre Bianco).
Il suo naso è così lungo che sfrega contro il soffitto della sua capanna quando dorme stesa sul forno magico. Viaggia accucciata in un grande mortaio con le sue ginocchia che quasi le toccano il mento e lo incita ad andare più veloce con un pestello. Ogni volta che compare, un vento selvaggio comincia a soffiare, gli alberi cominciano a scricchiolare e le foglie gemono. Stridendo e lamentandosi, una miriade di spiriti la accompagna spesso sul suo cammino.
Quando passa oltre a incitare il suo pestello spazza via tutte le sue tracce con una scopa fatta della betulla d’argento. Può anche volare nel con lo stesso oggetto.
Baba Yaga vive in una capanna in profondità nella foresta. La sua capanna sembra avere una sua personalità e può spostarsi su enormi zampe di pollo (evidentemente la strega non ama restare a lungo nello stesso posto). La capanna mentre si muove gira su sé stessa e si ferma quando arriva un visitatore. Le finestre della capanna sembrano servire da occhi. Mentre piroetta emette terribili grida e si fermerà solo quando sarà pronunciato un incanto segreto o, come nella fiaba di Ivan-Bovino, una filastrocca. Quando si arresta, si volta in modo da porgere la facciata all’ospite, s’abbassa sulle zampe di pollo, aprendo poi la porta.
La capanna a volte (nella famosa fiaba di Vasilissa la Bella per esempio, o in quella di Maria Marina) è circondata da una recinzione fatta di ossa, che contribuisce a tener fuori gli intrusi (come se non bastasse il fatto che la capanna si muove, si avvita su se stessa e grida come una pazza). In cima alla staccionata sono sistemati dei teschi le cui orbite vuote brillano nell’oscurità. Nella fiaba di Maria Marina solo da un osso manca un teschio. Che sia quello che ha dato a Vasilissa nell’altra leggenda?
Quando un ospite entra nella sua capanna Baba Yaga chiede se fugge la sventura o cerca l’avventura, e nella storia di Maria Marina chiede al principe se viene costretto o di sua volontà. Una sola risposta è quella giusta: difatti la vecchia tratta in modo diverso coloro che giungono lì di loro spontanea volontà (come il principe della favola Il re del mare e Vasilissa la saggia) e quelli che invece sono arrivati controvoglia. Per fortuna di chi è mandato controvoglia, Baba Yaga sembra non avere potere sopra i puri di cuore (come Vasilissa la Bella, mandata a chiedere il fuoco alla strega) e quelli di noi che ‘sono benedetti ‘ ovvero protetti dal potere dell’amore, della virtù o dalla benedizione di una madre.
Baba Yaga governa sugli elementi. I suoi servi fedeli sono il Cavaliere Bianco, il Cavaliere Rosso ed il Cavaliere Nero. Quando Vasilissa le chiede chi essi siano, Baba Yaga risponde: la mia alba luminosa, il mio sole e la mia notte scura. Fra i suoi altri servi ci sono tre paia di mani senza corpo e in qualche modo minacciose, che appaiono in aria e eseguono i suoi ordini.
Un altro strano personaggio che ha servito Baba Yaga è lo stregone Koshchey (Scheletro) Senza-Morte, il quale racconta a Maria Marina che ha fatto da pastore per tre giorni alla Baba Yaga curando le sue giovenche che hanno la capacità di fare il giro del mondo in un solo giorno ed evitando che fuggissero. In cambio ne ebbe un puledro velocissimo.
Dalla storia di Vasilissa si presume che Baba Yaga abbia un nemico: qualcuno che per rabbia le ha mescolato i semi di papavero alla terra. Ma non se ne sa altro.
Anche se principalmente è ritratta come una vecchia megera terrificante, Baba Yaga può anche interpretare il ruolo di un aiutante o di una donna saggia.
La Madre Terra, come tutte le forze della natura, benchè spesso selvaggia e pericolosa, può anche essere gentile. Nelle sue apparizioni come strega saggia (come per esempio nella fiaba di Danilo Sfortunato), a volte dà consigli e doni magici agli eroi e ai puri di cuore: in una fiaba dona al principe un cavallo possente ed in generale attende ai lati della strada coloro che sono in difficoltà per consigliarli (quindi se andate in Russia siate gentili con le vecchiette…).
Persino nella storia di Vasilissa la Bella la strega risponde alle domande della ragazza. In questa fiaba però le domande sono viste sotto una luce negativa: la vecchia chiede di fare domande dicendo “Parla, ma non tutte le domande portano buon pro: molto saprai, presto invecchierai” e dopo essere stata di nuovo incitata a chiedere, Vasilissa risponde “Mi basta così. Tu stessa hai detto, nonna, chi molto sa, presto invecchia”. In questo caso, dunque, sembra che si voglia avvisare il lettore del pericolo del conoscere.
L’eroe o l’eroina della storia entrano comunque nel dominio della megera, spesso appunto per cercare la saggezza, la conoscenza e la verità. Il principe della storia Vasilissa la Saggia e il re del mare infatti quando vede la casetta pensa “voglio entrarci” e riceverà dalla Baba Yaga cibo e aiuto nella sua impresa. Ella infatti è onnisciente, vede tutto e rivela tutto a coloro che osano chiedere. E’ anche uno spirito del guardiano delle fontane dell’acqua della vita e della salute e nella fiaba Il campione senza gambe e quello cieco due fratelli arrivano alla sua casa, mangiano il cibo della strega (quel famoso abbondantissimo cibo che è contenuto nel forno magico) che li minaccia, ma loro non hanno paura e sono poi condotti alle fonti.
Difatti anche nelle fiabe in cui la Baba Yaga è una strega cattiva, essa premia chi ha il coraggio di ricercare la conoscenza. Nella fiaba di Maria Marina il principe giunge da lei per avere un cavallo come Scheletro senza Morte ed ella accetta alle stesse condizioni che diede a Scheletro: che lui le tenesse le giovenche per tre giorni. Se no il suo cranio sarebbe finito in cima all’unico osso della palizzata sguarnito. Ovviamente questi patti sono sempre a vantaggio della Baba Yaga: come in tutte le fiabe in cui l’uomo fa un patto con una strega o un folletto, questa forza naturale non sarà comunque benevola nei suoi confronti. Ma l’essere umano può comunque farcela a vincere. E qui si può anche capire perché, nonostante la casa inquietante e i servitori altrettanto terrificanti ci sia qualcuno che si spinge fino a lei.
Baba Yaga rappresenterebbe quindi la Megera, dea di saggezza e morte, la Madre Terra, regina delle forze naturali e del ciclo della vita. Selvaggia e indomabile, è uno spirito della natura che porta la saggezza e la morte dell’ego e, attraverso la morte, la rinascita.

fonte: http://latorredivetro.altervista.org/fiabe/baba.htm

(scusate se vi propongo un articolo già fatto invece di scriverlo io, ma in questo periodo sono davvero con l’acqua alla gola e sono già in ritardo ç_ç)

Annunci

Un commento su “MWL 5#: Alfabeto di strega: B come Baba Jaga

  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    La Taberna Simposiale

    La scrittura ti appassiona? Dillo con noi!

    Il nuovo mondo di Galatea

    Diario ironico dal mitico nordest

    Travel Stories

    Storie e consigli di viaggio di una hippie girl con il cuore a est

    La Biblioteca di Amarganta

    I narratori e i cantori di Fantàsia

    Viaggio 922

    Viaggio senza stancarmi, con occhi grandi sul mondo

    My travels diaries

    Una piccola finestra sul mondo

    AGRUMI

    Spremute acide di una viaggiatrice sentimentale

    #ODIOLESERIEINTERROTTE

    Per ogni nuova serie interrotta, un lettore si infuria.

    Canti delle Balene

    "When you're curious, you find lots of interesting things to do"

    La siepe di more

    “I like persons better than principles, and I like persons with no principles better than anything else in the world.” O. Wilde

    I libri secondo Arianna

    Un libro deve essere un’ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi. (Franz Kafka)

    lapiccolalibraiablog

    Leggo perchè una vita sola non basta.

    Di mezzelfi, muffin e fucili laser

    L'angolino dei deliri di un'aspirante scrittrice

    Chiaraleggetroppo

    Venticinque anni e il naso sempre tra le pagine - Chistmas edition!

    Milioni di Particelle

    I libri sono l'aereo, il treno e la strada. Sono la destinazione e il viaggio. Sono casa. - Anna Quindlen

    InsolitAria (keeptravellingon)

    Diario di un Sagittario girovago

    Con la valigia verde

    Travel blog di Elisa Albanese

    In viaggio da sola

    Destinazioni e consigli per chi parte in viaggio da sola

    L' ANTIGUIDA

    Storie di viaggi contromano

    E' come nelle grandi storie

    quelle che contano davvero.

    Valpur explains it all

    Everything is geek and nothing hurts

    • il Bosco dei Noccioli • Hazels Grove • OBOD

    Riflessioni lungo la via Druidica /|\

    Sangue Sacro

    La Grotta della Luna

    Ingrid Víðir - Il Sentiero tra i Salici

    Percorrendo a piedi nudi la Via Sacra

    Cronache di Betelgeuse

    Un viaggio tra i libri...

    Storie di Libri Dimenticati

    Tutti hanno le Ali, devi solo ricordare come usarle per volare in alto.

    ☽ Se fossi una Strega ☾

    Torniamo insieme alla scoperta della Magia delle Antiche Vie

    Aglaia Hirschlauf

    Il Cerchio della Strega

    Sacred Iceland

    An American Heathen's adventures in the land of ice and fire

    of the Other People

    on the Otherfaith, Other People, & Other Gods

    Waincraft

    Following the Call of the Land

    Crumpets & co.

    ...pasticci culinari e non solo...

    witchery

    trapped in the broom closet

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: